E’ un arbusto, appartenente alla famiglia delle Labiacee, conosciuto presso gli antichi per usi officinali ed alimentari, per aromatizzare pietanze, rendendo profumati i piatti della tradizione mediterranea e italiana in particolare, e diffondere un piacevole aroma nell’ambiente.
Il rosmarino è una pianta mediterranea, che cresce sia spontanea, oltre che essere coltivata nelle zone costiere. Può raggiungere un’altezza di tre metri, le sue foglie sono piccole, strette e lineari, scure nella parte superiore e verde-argento-bianco nella parte inferiore. I fiori sono riuniti in grappoli e il loro colore è azzurro mare, presenti quasi tutto l’anno. Il rosmarino ama il sole, il caldo e sopporta bene l’aria salmastra, soffre invece sotto i 10°/15°.
L’origine del nome vede più teorie: dal rus maris, rugiada di mare, a rosa maris, rosa di mare, a rhus maris, cespuglio di mare.
Nelle Metamorfosi di Ovidio, si narra di una principessa persiana, sedotta dal dio Apollo, che entrò di soppiatto nella stanza della giovane; una volta scoperto il misfatto, il re di Persia, non potendo rivalersi su un dio, mandò a morte la figlia. Ma il sole che splendeva sulla tomba della principessa, ne trasformò il corpo in una pianta profumata, svettante verso il cielo, ma con radici possenti ben ancorate nella terra: il rosmarino.
E’ conosciuto da sempre come utile alleato contro l’ipotensione arteriosa, la cefalea, il calo della memoria e dell’apprendimento, il torpore e la difficoltà di concentrazione, oltre che come rimedio in caso di dolori reumatici; è anche coadiutore della convalescenza. Secondo studi recenti, potrebbe essere utile per abbassare i livelli di glucosio nel sangue e quindi migliorare la prevenzione del diabete alimentare.
Sotto forma di infuso curativo, è un antibiotico naturale; agisce sul sistema nervoso centrale ed è utile per riequilibrare il corpo e la mente, dopo un periodo di stress emotivo e/o fisico. Allevia nervosismo e ansia; ha forti poteri depurativi. E’ un efficace rimedio contro il raffreddore.
Nella cosmesi naturale, è usato per rendere più forte il capello, a partire da un massaggio del cuoio capelluto. E’ un potente aiuto anche per la circolazione corporea, in questo caso diluito in olio vegetale, di mandorle dolci o sesamo.

SHARE
Previous articleZenzero
Next articleScampi in crema di melone

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here